E’ indubbio che negli ultimi anni la necessità di una connessione performante sia diventata sempre più stringente per le aziende, incluse le piccole e medie imprese. Questo per ragioni quali accedere velocemente al proprio server aziendale, proteggere i propri dati con varie misure di backup, utilizzare i vari servizi in cloud e gestire il lavoro in smart working.

Connessioni poco performanti.

Si tratta di un’esigenza che purtroppo spesso si scontra con l’inadeguatezza dei servizi forniti in particolari zone, a livello di intensità e/o stabilità del segnale. Cosa può dunque fare una piccola/media impresa la cui zona non sia coperta in maniera sufficiente?

Multi-WAN.

Una delle soluzioni è il multi-WAN, ovvero la possibilità di far gestire dal medesimo firewall più connessioni differenti. Si tratta di una soluzione particolarmente indicata per risolvere i problemi di stabilità, impostando il firewall in modo che le reti interagiscano in failover o in load balancing. Nel primo caso la connessione secondaria entra in funzione solo in caso di disservizio della principale; nel secondo caso invece il carico viene distribuito fra le due connessioni.

WAN Bonding.

Nel caso del WAN Bonding invece le connessioni differenti vengono “fuse” in una sola dalle prestazioni migliori: si tratta dunque della soluzione più indicata se si punta a migliorare le prestazioni della connettività. Si tratta della tecnologia di cui ci eravamo già occupati in questo articolo a proposito dei nostri partner di Uania.

Quando la banda non basta mai.

Le possibili soluzioni per le aziende con problemi di connettività sono al centro del webinar “Quando la banda non basta mai, organizzato da Nethesis (nel settore dei firewall) e Uania (della cui soluzione WAN Bonding abbiamo già parlato). In qualità di partner di entrambi, Andrea Collodel di MelaC è intervenuto parlando di entrambe le soluzioni e illustrando di un paio di nostre esperienze in merito. A seguito il suo intervento:

Esperienza multi-WAN.

La prima esperienza riguarda un’azienda che si occupa di sicurezza sul lavoro. La loro sede era coperta solo da un modesto servizio ADSL, la possibilità di passare ad una fibra FTTH era sconsigliabile per via dei costi e di un prossimo trasferimento di sede. Abbiamo quindi provveduto a migliorare la connettività con una soluzione multi-WAN che all’ADSL disponibile affiancasse una connessione LTE (4G) in modo da garantirne la stabilità. In questo modo è stato possibile addirittura sostenere un centralino VoIP in locale con una quindicina di utenze.

Esperienza WAN Bonding.

Diverso il caso di un’azienda produttrice di biciclette, situata in una zona servita malissimo. In questo caso infatti presso la sede aziendale arrivava solo una connessione tramite ponte radio (20 MB/s in download e 4 MB/s in upload), pur trattandosi di un’azienda molto strutturata con tutti i server in locale (compreso quello della posta). In questo caso la soluzione migliore è stata quella di WAN Bonding tramite UaniaBox Pro: al ponte radio è stata dunque affiancata una connessione FTTC da 30 MB/s in download e 10 MB/s in upload, migliorando la qualità del servizio disponibile e fornendo al contempo una varietà congrua di indirizzi IP per tutti i server e i servizi aziendali che ne necessitavano. L’azienda è ora coperta anche nel (remoto) caso di disservizio contemporaneo di entrambe le connessioni: basterebbe infatti collegare una chiavetta o un qualsiasi smartphone ad UaniaBox Pro per usufruire anche di quest’ulteriore connessione e avere almeno il tempo di salvare i lavori in corso. Il cliente si è detto tanto soddisfatto da considerare di aggiungere al WAN Bonding una terza connessione.

La soluzione migliore?

Qual è dunque la soluzione ideale per un’azienda che si trovi in una zona mal servita? Non esiste una risposta universale, poiché dipende dalle specificità dell’azienda e dalla sua posizione particolare. Noi di MelaC possiamo però mettere la nostra esperienza e le nostre competenze al suo servizio, analizzando la situazione e consigliando la soluzione migliore caso per caso.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici!