Chi conosce Maps, popolare servizio di Google, saprà sicuramente che è possibile usarlo come un vero e proprio navigatore, impostando un punto di partenza e uno (o più) di arrivo.

I mezzi disponibili.

Il percorso può inoltre essere calcolato a seconda del mezzo a disposizione, in modo da decidere se ad esempio convenga recarsi in un affollato centro città costellato di ZTL con la propria auto o magari usando mezzi pubblici. Al momento i percorsi (e le relative tempistiche) sono calcolati in auto, con mezzi pubblici, a piedi, in bicicletta o con l’aereo.

Lo sharing.

Google ha tuttavia annunciato che a breve Google Maps considererà anche i servizi di bike e car sharing. Sarà quindi possibile sia sapere come muoversi fra due punti utilizzando questi servizi, che come muoversi alternandoli ad altri quali i mezzi pubblici, il trasporto privato o tratti a piedi.

Le funzionalità.

Maps si premurerà di fornire inoltre informazioni essenziali quali il costo, il tempo d’attesa, il traffico ed eventuali coincidenze con mezzi pubblici. Inoltre tempi e percorsi verranno comunque calcolati a seconda del mezzo a disposizione (quindi auto per il car sharing e bicicletta per il bike sharing).

Il rilascio.

Il rilascio di queste funzionalità è atteso entro la fine del 2019 su Play Store in 30 paesi.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici!