Circa un mese dopo l’annuncio degli iPhone Xs, Xs Max e Xr, con quest’ultimo peraltro appena uscito, è di nuovo tempo di nuovi modelli in casa Apple, stavolta nel settore dei computer portatili. La Mela ha infatti annunciato l’ottava generazione di MacBook Air, il nuovo iPad Pro e il nuovo Mac mini.

MacBook Air e il display Retina

Il nuovo Air si presenta ai nastri di partenza munito per la prima volta di display Retina, finora esclusiva di MacBook Pro. Per l’occasione la cornice del dispositivo (realizzata interamente in alluminio riciclato) è stata assottigliata, facendolo arrivare ad una diagonale di 13.3″, con un numero di pixel quadruplicato.

MacBook Air e le nuove feature

Debutta nella linea MacBook Air la tecnologia di riconoscimento Touch ID, permettendo lo sblocco tramite impronta digitale. Grosse novità anche dal punto di vista degli input, con la tastiera retroilluminato di terza generazione, un trackpad più grande del 20% e un sistema audio a tre microfoni. Da notare la presenza di due porte Thunderbolt 3/USB C, che consentiranno di connettere display, sistemi di archiviazione esterna e perfino schede grafiche esterne.

MacBook Air e le prestazioni

Il nuovo modello potrà contare su processori intel Core i5 (da 1,6 a 3,6 GHz), con RAM fino a 16 GB e memoria SSD fino a 1,5TB. Al riguardo, le prime rilevazioni tramite GeekBench suggeriscono prestazioni non troppo distanti rispetto a quelle dei MacBook Pro 13″ del 2017. Per quanto riguarda la batteria, Apple ha assicurato un’autonomia minima di 12 ore, in linea con il modello precedente.

iPad Pro e il nuovo design

Per quanto riguarda iPad Pro, Cupertino ha senza dubbio introdotto una vera e propria rivoluzione per quanto riguarda il design. Significativa la cancellazione del tasto home per ridurre la cornice e fare economia di spazio senza sacrificare lo schermo (disponibile in 11″ e 12.9″). Viene inoltre rimosso anche il connettore Lightning, sostituito con il più comune connettore USB-C (come su MacBook Air), rimuovendo la necessità di usare adattatori con molti dispositivi. La iPad Pencil acquisisce inoltre un utile sistema per rimanere ancorata magneticamente alla cornice dell’iPad Pro, ricaricandosi al contempo via wireless.

iPad Pro come computer portatile

Nel corso della presentazione si è insistito più volte sul concetto che iPad Pro è da considerare come un computer portatile, in tutto e per tutto. Grazie all’implementazione del processore A12X Bionic (lo stesso di iPhone Xs, Xs Max e Xr) la velocità del dispositivo è infatti superiore al 90% dei notebook in commercio, secondo le parole di John Ternus (Head of Hardware Engineering). Rispetto ai loro predecessori si registra infatti un miglioramento fra il 35% e il 90% in termini di velocità, abbastanza per soddisfare le esigenze di chi si occupa di grafica, usa molto i videogiochi o semplicemente deve gestire una gran mole di dati. Rilevante inoltre l’implementazione del sistema di riconoscimento facciale Face ID, che di fatto sostituisce il tasto Home.

Il nuovo Mac Mini

Per quanto riguarda Mac Mini arrivano invece nuove opzioni che consentono di migliorarne le prestazioni fino a un massimo di 6 core, 64 GB di RAM e 2TB di spazio d’archiviazione. La versione base conterà invece su un processore quad core, con 8 GB di RAM e 128 GB di archiviazione.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici!