App Store ha compiuto 10 anni di vita. Lo strumento di Apple per la distribuzione di app su dispositivi iOS è infatti disponibile dal 2008, e in questo decennio ha rivoluzionato la fruizione degli applicativi su dispositivi mobili (e non solo), contribuendo in modo determinante al successo della Mela.

L’impatto economico

L’App Store ha infatti letteralmente creato da zero un nuovo settore economico (quello delle app), peraltro in continua espansione. Molto di questo successo è dovuto anche alla chiarezza dei contratti che Apple propone agli sviluppatori (con condizioni precise quali l’hosting centralizzato). È grazie a questa rivoluzione se le app sono diventate parte integrante del nostro tempo libero e (in alcuni casi) del nostro lavoro, mediante i giochi mobile e le app professionali.

Un fenomeno mondiale

Qual è la situazione attuale dell’app market di casa Apple? Numeri alla mano, gli Stati Uniti restano il mercato principale e più redditizio: sono infatti al primo posto sia come download di app che come flusso di denaro, in entrambi i casi seguiti da Cina, Giappone e Regno Unito. Per quanto riguarda il nostro Paese, è piuttosto peculiare notare come l’Italia rientri al decimo posto per numero di download, ma sia fuori dalla top ten per volume d’acquisti: pare dunque che gli italiani preferiscano le app gratuite o comunque quelle a basso costo.

Le app più scaricate

Andando a vedere le app più nello specifico, invece, scopriamo come l’impero di Facebook monopolizzi il podio delle più scaricate: il re dei download è infatti WhatsApp, seguito da Facebook Messenger e dallo stesso Facebook. Notevole e inaspettato l’exploit di Viber, che si piazza al quarto posto mettendosi dietro Instagram e Telegram. Per trovare un’app estranea al contesto social/messaggistica bisogna scorrere la classifica fino al nono posto di YouTube.

Le app più redditizie

Per quanto riguarda il volume d’affari, invece, sono i giochi a regnare incontrastati. In questa classifica il primo posto va infatti a Clash of Clans, staccando di gran lunga il secondo posto di Candy Crush. Anche il resto della top ten è costellata di giochi, ad esclusione di tre eccezioni nel mondo dello streaming di contenuti multimediali: Pandora (non disponibile in Italia) al terzo posto, Netflix al quarto e Spotify al decimo. Da notare come da queste rilevazioni sia escluso Fortnite, arrivato da poco su iOS con un boom tale da rendere quasi scontato il sorpasso a Clash of Clans (50 milioni di dollari incassati nei primi due masi dal rilascio). Curiosa anche la presenza di Angry Birds al settimo posto, contando che il software di Rovio Mobile compirà a sua volta 10 anni nel dicembre 2019.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici!