Siamo abituati a considerare la realtà virtuale come fonte di intrattenimento, principalmente per quanto riguarda film e (soprattutto) videogiochi. Ma cosa succederebbe se la stessa tecnologia fosse applicata nell’ambito lavorativo, al fine di migliorare la produttività?

Oculus Quest 2.

Una sfida interessante, prontamente raccolta da Facebook, Logitech e Oculus. Il colosso di Mark Zuckerberg rilascerà infatti il visore Oculus Quest 2 il prossimo 13 ottobre, con l’intenzione di non riservarlo al solo gaming.

Infinite Office.

Entro l’inverno è infatti previsto l’arrivo di Infinite Office, un sistema che consentirà all’utente finale di lavorare con multipli display virtuali, consentendo al lavoratore di migliorare la propria produttività a prescindere dallo spazio fisico disponibile.

Tastiera.

La partnership con Logitech ha inoltre portato alla tastiera Infinite Office, periferica (fisica) compatibile con Oculus Quest 2 e in grado di venire incontro alla necessità di digitare contenuti senza vedere le proprie mani.

Esperimento.

Facebook stessa invita alla cautela riguardo ad Infinite Office, etichettandolo come “esperimento”. Se l’esperimento andasse bene, tuttavia, potrebbe trattarsi di un primo passo verso una virtualizzazione degli spazi di lavoro.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici!