Forse quando si parla di Adobe Flash Player non tutti realizzeranno di cosa si tratta, anche se quasi sicuramente ne hanno fatto uso massiccio: si tratta infatti del principale riproduttore di contenuti multimediali online, in particolar modo nei siti web.

Deadline.

Ebbene, Flash Player cesserà di essere supportato da Adobe a partire dal 31 dicembre 2020. Non si tratta di una decisione improvvisa, visto che è stata annunciata dal luglio 2017, nondimeno il passaggio si preannuncia come tutt’altro che indolore.

La (mancata) sicurezza.

Dal canto suo, Adobe ha fatto il possibile sconsigliando apertamente di installare Flash Player e rimuovendone il download dal sito ufficiale. Di fatto, il solo supporto ricevuto dal software negli ultimi anni riguardava gli aggiornamenti di sicurezza. La stessa sicurezza che è motivo della sua dismissione: nel corso degli anni infatti Flash Player è stato bersagliato da hacker e virus, che hanno sfruttato molte vulnerabilità inizialmente non previste nel codice del software. Inconvenienti tali da spingere Adobe a “pensionare” il suo prodotto.

La (poca) utilità.

Oltre ad essere poco sicuro, Flash Player è inoltre diventato obsoleto: le funzioni del software sono infatti svolte nativamente con la programmazione HTML5 e da altri standard di programmazione web che hanno reso il prodotto di Adobe sostanzialmente inutile. Conclusione questa peraltro suffragata dalla stessa Adobe, che sottolinea come sia pieno di alternative a Flash Player.

Cosa cambia? 

Cosa cambia dunque concretamente per l’utente finale, visto che i più moderni standard di programmazione web rendono i contenuti multimediali online tranquillamente fruibili senza Flash Player? Il problema principale riguarda le pagine storiche come quelle raccolte negli archivi web, che essendo per definizione “storiche” e non più supportate o aggiornate, continueranno a richiedere Flash Player. I loro contenuti multimediali non saranno quindi più fruibili, o almeno non in modo sicuro. Stesso problema avranno ovviamente pagine anche recenti che siano state realizzate con standard meno aggiornati.

Cosa fare? 

L’utente finale, dal canto suo, ha la sola necessità di disinstallare Flash Player dal proprio dispositivo entro il 31/12/2020. Da quella data in poi infatti il device ospiterebbe un software non più sopportato, e quindi potenziale “cavallo di troia” per hacker, virus e vulnerabilità da sfruttare senza limiti.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici!