Nonostante la crisi commerciale fra Cina e Stati Uniti stia rendendo sempre più concreta l’ipotesi di un terzo sistema operativo per dispositivi mobili da parte di Huawei, i margini di successo per un’operazione del genere non sembrano essere dei migliori. Gli utenti mobile infatti tendono a restare fedeli al proprio sistema operativo, oggi più che in passato.

La ricerca.

Il dato emerge da una ricerca di mercato CIRP, condotta su un campione di 500 persone. Un numero piuttosto ridotto, certo, ma si è trattato di un’indagine protratta nel tempo e che ha tenuto conto degli acquisti effettivi, non delle intenzioni.

I numeri.

I risultati sono piuttosto emblematici: il 92% degli utenti Android e l’89% di quelli iOS ha confermato il proprio sistema operativo, un dato che può essere letto come la sostanziale morte del fenomeno degli switcher. Apple e i vari produttori che utilizzano Android non riescono insomma a “catturare” la concorrenza, quanto meno non ottenendo concreti acquisti.

Un dato contraddittorio?

Va tuttavia sottolineato come questi dati non contraddicano in alcun modo quelli secondo cui un quinto degli utenti Android è interessato al passaggio ad iPhone. Queste ultime sono infatti ricerche sulle intenzioni d’acquisto, e non sugli acquisti effettivi.

Le intenzioni d’acquisto.

Le ricerche sulle intenzioni d’acquisto mostra infatti come il 70% degli utenti Apple voglia comprare un altro iPhone, un dato emblematico se pensiamo che i posti successivi sono occupati da Huawei e Samsung rispettivamente con il 54% e 53% di utenti che vogliono confermare la loro scelta. Viceversa, solo tre costruttori Android catturano l’attenzione di più dell’1% degli utenti iPhone (Huawei col 5%, Samsung col 4%, Oppo col 2%).

iPhone re dei desideri.

Insomma, nonostante la scomparsa pressoché totale degli switcher iPhone si conferma come lo smartphone più desiderato, di gran lunga.

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo con i tuoi amici!